Gecab People , i carpentieri

Il lavoro del carpentiere è uno di quei mestieri antichi, senza tempo. È talmente antico che le sue radici affondano nel XIV secolo, quando questo termine stava a indicare i carradori, ovvero i costruttori di carri. La sua origine etimologica viene dalla parola latina carpentarius, da carpentum, che significa “carro”.

Nonostante il passare del tempo, l’evolversi del mercato del lavoro e le crisi economiche, questa professione resta una delle più richieste.  Figure professionali indispensabili, presenti in tutte le realtà industriali e che giocano un ruolo fondamentale nel proprio reparto. La figura professionale del carpentiere rientra, dal 1959, nella categoria degli operai specializzati. Di fatto, si tratta di quei professionisti che si occupano di costruire le impalcature e le strutture in legno o in ferro, tramite l’utilizzo di appositi utensili e macchinari, seguendo al millimetro tutti gli schemi e le direttive degli ingegneri e del reparto progettazione.

A far parte del team di Gecab e del reparto di produzione sono soprattutto carpentieri metalmeccanici. Questa specifica competenza trova spazio nella lavorazione e nel montaggio di strutture in metallo, in particolare in vari tipi di acciaio inossidabile impiegati solitamente nei settori agricolo, navale ed edile. I carpentieri metalmeccanici hanno familiarità con strumenti da taglio come laser e plasma e saldatrici ad alta precisione, oltre che con l’utilizzo di utensili più semplici e di comune utilizzo. Sono loro che hanno il compito di costruire le strutture in acciaio che andranno annegate nel calcestruzzo e che costituiscono l’armatura del calcestruzzo armato vibrato.

Alcune delle mansioni principali dei carpentieri, includono:

  • lettura e interpretazione dei disegni tecnici;
  • assemblare, montare o riparare gli elementi metallici usando le apposite attrezzature;
  • eseguire taglio, piegatura, deformazione, foratura, forgiatura e saldatura delle parti metalliche;
  • rifinire il lavoro mediante pialle, frese, vernici, smalti o altri mezzi come da progetto;
  • collaudare l’opera realizzata per verificarne la solidità e la fruibilità.

Vista la complessità di certe operazioni e la necessità di operare nel quotidiano con materiali e macchinari potenzialmente pericolosi, è necessaria una adeguata formazione. Esistono varie certificazioni come ad esempio il patentino professionale per la figura del Carpentiere di elementi e strutture di legno. Si ottiene frequentando un corso di formazione in linea con i contenuti della normativa UNI 11742, questi corsi culminano con una prova d’esame tenuta da un Organismo di Certificazione accreditato al rilascio dei patentini professionali riconosciuti dagli enti preposti. Allo stesso modo, molte aziende strutturate in tal senso, offrono una formazione interna ai carpentieri che necessitano aggiornamenti o formazioni dedicate su attività speciali.